IL SETTIMO SIGILLO DELLE PANTERE! BUSTO ESPUGNATA AL TIE BREAK DOPO UNA DURA BATTAGLIA

POMI CASALMAGGIORE - IMOCO VOLLEY CONEGLIANO
UNET YAMAMAY BUSTO ARSIZIO – IMOCO VOLLEY 2-3 (24-26,17-26,25-23,26-24,11-15)
clicca qui per il tabellino del match

Il settimo sigillo dell’Imoco Volley arriva in uno dei templi del volley italiano, il PalaYamamay di Busto Rrsizio dove le Pantere di coach Santarelli danno un’altra bella dimostrazione di forza in una battaglia infuocata contro l’Unet, uno dei team più in forma del campionato. Una bella vittoria, sofferta rispetto alle precedenti, che ha fruttato due punti, ne ha approfittatol’Igor Novara che vincendo d’autorità a Scandicci (0-3) nello scontro tra le inseguitrici appaia ora in vetta l’Imoco Volley in classifica.

Il mattino del 23esimo compleanno di Samantha Bricio è rovinato da una brutta febbre
che esclude la messicana dalla disputa serale, e ancora una volta l’Imoco Volley non può presentarsi al completo a questo big match della 7° giornata. Ma coach Santarelli può ritrovare nel sestetto l’altra Samanta (senza h), l’opposta croata Fabris, in campo assieme alla regista Wolosz, De Kruijf e Danesi al centro, Elisa Cella con Hill in banda, libero De Gennaro.
La bomber croata mostra subito tutta la sua voglia di giocare dopo l’infortunio alla mano, è lei la trascinatrice dell’attacco gialloblù, decisiva assieme a De Kruijf e Hill nella battaglia del primo set che vede le Pantere mostrare subito i muscoli nel carambolesco 24-26 che assicura il primo set. Meno fatica nel secondo parziale, con Conegliano ben orchestrata dall’ex di turno, una Joanna Wolosz sempre più autoritaria, capace di orchestrare bene tutte le sue ataccanti che tengono in mano ritmo gara e punteggio fino al 17-25 che manda De Kruijf e compagne avanti 2-0.
Ma non è finita: terzo set con l’Imoco che spinta dalle botte di Fabris e Hill prova ad allungare all’inizio (8-11), poi Diouf e Bartsch, vera spina nel fianco della difesa gialloblù, trascinano la squadra bustocca e riagganciano le Pantere. Il match sale di tono, Alessia Orro rischia in battuta e le va bene, permettendo alla squadra di casa di allungare nel finale fino al 24-20. Il PalaYamamay è una bolgia, sembra fatta per le farfalle di casa, ma il carattere dell’Imoco permette di tenere vivo il set: prima Nicoletti (in campo con Papafotiou per il doppio cambio), poi Hill e De Kruijf mettono pressione all’Unet e annullano tre set point. Sul 24-23 però dopo un time out di coach Mencarelli è Busto a chiudere 25-23 con una diagonale di Gennari.
Quarto set e l’Imoco sfoga tutta la sua furia all’inizio, approfittando anche di un calo delle padrone di casa. Si sentono anche i tifosi gialloblù mentre le Pantere avanzano spedite lanciate dalle difese di De Gennaro fino al +8 (1-9), con Busto che sembra ormai alle corde e l’Imoco che vola via. Coach Mencarelli dà fiato a Bartsch e inserisce anche una positiva Berti per dare energia con la panchina. L’Unet piano piano riprende coraggio, ma Conegliano con il muro di Danesi (13-6) e i colpi da seconda linea di un’ottima Fabris (17-10) sembra reggere la reazione lombarda. Invece Diouf e compagne ci credono ancora, l’azzurra e l’impegno delle centrali di casa permettono a Busto di riagganciare a quota 19 le Pantere. Conegliano ora fatica in attacco nonostante gli sprazzi della sempre efficace De Kruijf in combinazione con una Wolosz attiva anche a muro (3 blocks). La gara si infiamma, coach Santarelli ci prova ancora con Nicoletti e Papafotiou, ma Stufi e compagne hanno preso ritmo e rispondono sempre alle prodezze di Hill e di una Fabris ispirata al rientro (top scorer con 31 punti alla fine e il 43% su ben 69 attacchi!). Berti al centro piazza il 24-23, ma il muro dell’Imoco pareggia il conto. Nel convulso finale le Pantere pagano qualche errore di troppo, specie in battuta, e la Unet Yamamay fa esplodere i suoi tifosi per il 26-24.
Primo tie break stagionale per l’Imoco Volley in campionato (l’unico giocato a Novara in Supercoppa), e le due squadre giocano con molta attenzione nei primi punti sbagliando poco fino all’8-8. L’Imoco prova l’allungo nella fase centrale, Anna Danesi va a segno (9 puni, 3 muri), poi ace di Hill e Pantere avanti di due: 8-10. Risponde Gennari, poi la partita si infiamma su alcuni palloni conestati, con la battaglia sotto rete che si fa sempre più ruvida. Il gioco si fa duro, Fabris nonostante sia al rientro anche ben olre le due ore è ancora in gran forze (come recita il suo score), e con la sua potenza sigla l’ace del 11-13 che lancia le Pantere al successo. Kim Hill (23 punti), sempre una sicurezza nei palloni che scottano, va in cielo e piazza il +3 (11-14). Al primo match point l’Imoco fa suo l’incontro con il muro finale di Elisa Cella (4 punti) e Robin De Kruijf (5 muri in totale per l’olandese con 17 punti e il 52% in attacco) che regala la settima vittoria su sette gare giocate alle Pantere di Conegliano.

Domenica altro big match stavolta al Palaverde contro la Liu Jo Modena alle ore 17.00, contro un’avversaria che l’Imoco conosce bene dopo le tante sfide,semifinale compresa, della scorsa stagione. Sarà un altro grande spettacolo! Prevendita aperta al Palaverde dalle 15.30 alle 18.30 e on line sullo spazio biglietteria del sito imocovolley.it.

Share on Twitter