IMOCO DA BATTAGLIA: LE PANTERE BATTONO IL BISONTE 3-1 – INFORTUNIO A MEGAN EASY

GRG_2225
IMOCO VOLLEY-IL BISONTE FIRENZE 3-1 (20-25,34-32,25-21,25-21)
Imoco:
Bricio 7, Fiori ne, De Kruijf 11, Cella 1, Folie 2, Easy 12, Melandri ne, De Gennaro, Danesi 3, Papafotiou,Wolosz 2, Hill 23, Nicoletti 12. All. Santarelli
Bisonte: Sorokaite 21, Alberti 5, Bechis 5, Bonciani, Tapp 6, Santana 12, Di Iulio ne, Parrocchiale, Pietrelli ne, Milos 1, Tirozzi 17. All. Bracci
Arbitri: Canessa e Talento
Spettatori: 3031
Note: durata set 24′,37′,25′,28′ . Muri Imoco 8, Bisonte 8. Aces 4-3, Errori Battuta 11-14.

Esordio e vittoria al Palaverde anche in campionato per le Pantere dell’Imoco Volley dopo il successo sabato in Champions. Un match difficile sulla carta si è rivelato tale, ci son volute infatti due ore di battaglia per venire a capo del Bisonte Firenze.
imocobandierajpg
Coach Santarelli dopo l’entusiasmo del Palaverde per la cerimonia di alzabandiera dello stendardo della Coppa Ialia, parte per il primo set con Wolosz-Nicoletti, easy-Hill, De Kruijf -Folie, libero De Gennaro (Fabris sempre out per infortunio.
Inizio difficile per le Pantere che devono faticare per arginare la prima sfuriata del Bisonte, capace di sgretolare la difesa di casa a suon di diagonali, fino al 4-8 che vede un contrariato Santarelli chiedere time out con decisione. Da lì, a testimonianza di un gruppo che già segue a menadito il suo condottiero, arriva un 7-1 per le Pantere con la squadra trasformata nell’interpretazione del match. Aggressive e potenti, Easy, Nicoletti e De Kruijf mandano l’Imoco avanti (9-8, poi 12-10), ma Bechis e compagne non mollano alla prima spallata. Vale Tirozzi, ex come la sua regista, bombarda al servizio, Sorokaite riprende a picchiare forte e le toscane di Marco Bracci tornano avanti 14-16. Firenze si spinge al +3 (15-18, poi 16-19) giocando palloni lunghi e difese a tutto campo. L’Imoco soffre e non trova ritmo, andando sotto 17-21. Entra Bricio al servizio, ma la musica non cambia e Conegliano insegue dopo le prodezze di Bechis e Sorokaite, e un bel muro di Alberti:18-24. Nonostante il bel rush finale di Kim Hill (7 punti nel set), è Tirozzi (6 per lei) a chiudere il 20-25, primo set perso nella stagione dell’Imoco Volley, contro questa ormai bestia nera del Bisonte Firenze.

Nel secondo set l’Imoco Volley sembra aver capito la musica, via il fioretto dentro la spada e le Pantere iniziano a giocare cercando di imporre il loro ritmo, mettendo concentrazione e fisicità nel match: C’è Danesi al centro e la bresciana si fa sentire con i muri che spianano la strada al break iniziale: 4-0. Poi Tirozzi e compagne si riavvicinano (12-10), tenute a bada da Easy ed Hill fino al 14-11. Dopo un batti e ribatti è brava Tapp a trovare la fast del -2 per Firenze (17-15), poi Bechis mura Easy e coach Santarelli deve chiedere time out con Il Bisonte che soffia sul collo alle Pantere (17-16).Megan pero’ non ci sta, rientra e piazza un muro che fa esplodere il Palaverde per il 19-16. Ancora con grinta Vale Tirozzi spinge per il -3 (20-17), Infatti le toscane sono ancora vive e vegete, le difese di Parrocchiale innescano contrattacchi velenosi di Santana e Sorokaite che arrivano al pareggio sul 21-21. Il Bisonte dà ossigeno sbagliando qualche battuta, ma sul 23-23 si scatena la potenza di “The Queen” Robin De Kruijf che piazza una superfast per il set ball 24-23. Vanificato dall’errore di Hill al servizio (24-24). Ancora De Kruijf, stavolta di fino, il 25-25 lo firma Tirozzi per Firenze. Si continua a combattere, è Santana a fare un break per Firenze (27-28), ma non concretizza il set ball. Dopo un doppio videochallenge a Nicoletti viene assegnato il punto del 29-28, ma Sorokaite dopo un’azione infinita mette il …gol del 29-29. E’ battaglia serrata, Santana va ancora a segno, ma Nicoletti con coraggio annulla ancora. Di nuovo Hill (13 punti nel set!) per il quinto set ball gialloblu’, annulla Santana (11 punti nel set), scatenata. Ancora la portoricana pareggia a quota 32, poi è ancora grande volley fino ai due punti liberatori per il pubblico del Palaverde: prima De Kruijf, poi Easy (10 punti nel set) che risolve un’altra azione infinita e dopo quarante minuti è 34-32 il vantaggio che fa esplodere l’ entusiasmo.

Dopo il grande spettacolo dell’incertissimo finale di secondo set, anche nel terzo la gara non ha un padrone, fino al break 12-10 firmato ancora da Hill e Nicoletti. Poi anche Moki De Gennaro vuole iscriversi al festival della difesa e tiene palloni importantissimi: Wolosz mura il +3 (16-13) e coach Bracci chiede time out. Ma le Pantere continuano a graffiare, prima con Nicoletti poi con un ace rocambolesco di De Kruijf fino al 18-14. Sul 20-18 cala il gelo al Palaverde, Megan Easy si accascia al suolo dopo una schiacciata e viene portata fuori a braccia (probabile lesione al tendine d’achille, da valutare l’entità con gli esami strumentali), non riuscendo ad appoggiare la gamba sinistra a terra. Entra Samantha Bricio, con i suoi servizi la messicana dà la scossa e con lei Kim Hill ben innescata da Wolosz issano le Pantere fino al 24-19, poi chiude Nicoletti il 25-21 che vuol dire sorpasso per Conegliano.

Il quarto set, con il pubblico in apprensione per le sorti di Easy, vede Firenze ancora combattiva: trascinata da Tirozzi e Sorokaite sale fino al 5-8, ma viene raggiunta da un rush dell’Imoco con una botta di Hill (MVP con 23 punti e sfiorato il 50% in aacc) sul 10-10. Anna Nicoletti piazza l’ace del sorpasso 12-11 Bricio colpisce per il 14-12, poi riprende anche a funzionare il muro e De Kruijf sigla il 15-12. Dopo una gara praticamente perfetta anche la squadra di coach Bracci inizia a sbagliare qualcosa e le Pantere si involano (17-13). Samy Bricio ha preso ritmo e fa male al muro avversario, ma Parrocchiale e compagne non alzano bandiera bianca, Prokopic a muro e Sorokaite (21 punti) vicina la squadra ospite (19-16), ma la squadra di coach Santarelli risponde colpo su colpo e con le bordate di Nicoletti e Bricio torna a +5 (21.16). L’attacco ospite cala di tono, il muro di Conegliano si alza ancora puntuale (De Kruijf bis per il 23-16), poi Cella piazza l’ace del 24-16 e l’Imoco puo’ chiudere anche se con fatica (Firenze tiene fino al 25-21) con altri tre punti una serata molto complicata fino all’ultimo contro un grande Il Bisonte Firenze.

Share on Twitter